Siti consentiti in AdSense. Cambiata la funzionalità!

La funzionalità dei siti consentiti

Sappiamo tutti che molte persone sul web, purtroppo, si improvvisano webmaster e copiando dei contenuti qua e la, creano un sito più o meno buono (ma comunque tutto copiato) e poi inserendo AdSense, ambiscono a dei grossi guadagni.
Google nella maggior parte dei casi, identifica abbastanza rapidamente questi personaggi e altrettanto rapidamente li banna.
Bene, per questo motivo, già da molto tempo, in AdSense era nata la funzionalità dei siti consentiti, che ci permetteva di dire quali siti sono autorizzati ad inserire i nostri ads, questo perché i “copioni” nella maggior parte dei casi, sono anche distratti ed oltre a copiare il contenuto, copiano anche i sorgenti AdSense, che figurano in questi siti copiati e questo può danneggiare l’ignaro copiato fino a fargli rischiare pure il suo account AdSense.

La scheda dei siti di proprietà

Da qualche tempo nelle impostazioni del nostro account AdSense, è stato aggiunto nella sezione di amministrazione, la lista dei siti di proprietà. Google analizza quali sono i siti che espongono i nostri sorgenti e li marca come di nostra proprietà. Sta a noi poi accettarli o rifiutarli da quella lista.
I siti di nostra proprietà ci consentono nel menu “Consenti e blocca” di autorizzare o meno determinate categorie, analizzare i guadagni in relazione alle categorie, attivare o meno le categorie sensibili, le reti pubblicitarie, le varie tipologie di annunci (sugli interessi, di terze parti, dei social network, di testo ottimizzati, …) oltre a gestire l’utilissimo centro verifica annunci, tutto chiaramente in relazione ad uno, più, o tutti i siti di nostra proprietà.

La novità: Sono state integrate le funzioni di autorizzazione dei siti e gestione dei siti

Da qualche giorno, non esiste più la funzionalità dei siti consentiti in quanto è stata trasferita nei siti di proprietà. Mi spiego meglio. In alto alla pagina dei siti di proprietà è stata aggiunta la possibilità di selezionare o meno “Il mio codice degli annunci può essere utilizzato solo sui siti di mia proprietà“, quindi se noi selezioniamo quella voce, di fatto, ha la stessa identica funzionalità dei “vecchi” siti consentiti, solo che invece di digitare noi i siti dove attiviamo i nostri annunci, ce li suggerisce direttamente Google. Per chi aveva i siti consentiti attivi, avrà di default questa funzionalità attiva, ma vi consiglio comunque di andare a dare un’occhiatina…

Ecco cosa dice la guida ufficiale di Google AdSense in merito all’Autorizzazione dei siti di proprietà alla pubblicazione degli annunci.

The following two tabs change content below.
Mauro Gadotti

Mauro Gadotti

Lavora come programmatore dal 1992. Dal 1996 crea anche siti internet e gestisce reti locali mediamente complesse, database server Oracle e Sql Server. Dal 2004 gestisce account AdSense e dal 2009 è un Google Top Contributor. Autore di COME ADSENSE può cambiarti la VITA

Lascia un commento